SOFTWARE 3D

OVERVIEW

I software 3D sono strumenti indispensabili per elaborare i modelli digitali ottenuti con gli scanner 3D.

Infatti, le mesh 3D o le nuvole di punti derivanti da una scansione 3D possono essere utilizzate per una infinità di applicazioni, che i software 3D rendono possibili attraverso rappresentazioni matematiche, per raffigurare gli oggetti in 3 dimensioni.

Le principali lavorazioni che possono essere effettuate con i software 3D sono:


la Modellazione CAD a partire da una scansione 3D, attraverso operazioni di Reverse Engineering
la Modellazione 3D poligonale di mesh o nuvole di punti (mesh editing) per la stampa 3D o per applicazioni grafiche o progettuali
il Controllo Dimensionale o Ispezione per valutare la conformità dei componenti in produzione alle specifiche di progetto
lo Sviluppo in Piano, Spianatura o Flattening di un modello 3D per ottenere dimensioni e forme di tessuti o materiali per lavorazioni di tappezzeria su misura o per il settore moda.

Qui potrai scegliere tra i migliori software 3D per le tue lavorazioni.



Quale software 3D abbinare allo scanner 3D?

La scelta del software 3D da abbinare allo scanner 3D dipende dalle applicazioni che si vogliono realizzare con il modello 3D digitale derivante dalla scansione 3D.

Se lo scanner 3D deve essere utilizzato per la creazione di prototipi di oggetti a geometria libera, destinati alla stampa 3D oppure alla progettazione freeform, sarà utile abbinare allo scanner 3D un software di modellazione 3D poligonale o mesh editing. Questi software 3D rientrano tra quelli per Reverse Engineering e hanno una serie di funzionalità per la modellazione 3D a partire da mesh e nuvole di punti, senza l’utilizzo di funzioni per la progettazione CAD. I software di modellazione 3D dei dati di scansione 3D possono lavorare anche con modelli a colori e generano files in firmati nativi e anche nei più comuni formati di mesh o nuvole di punti: STL, OBJ, PLY, ecc.

Per applicazioni in cui dalla scansione 3D è necessario riprodurre un progetto CAD, sarà necessario abbinare allo scanner 3D un software di Reverse Engineering propriamente detto o software per disegno 3D e cioè uno strumento in grado di trasformare le mesh in superfici CAD o solidi.

In questo caso il software permetterà di ricostruire le matematiche CAD dell’oggetto acquisito con lo scanner 3D, in modo da poterlo importare e lavorare ulteriormente in qualsiasi ambiente CAD per la progettazione meccanica o industriale. I formati di esportazione possono essere di interscambio e cioè STEP, IGES, PARASOLID, ecc., oppure anche formati nativi dei più comuni software CAD 3D.

I software di Reverse Engineering più avanzati integrano sia funzioni di modellazione poligonale che di modellazione CAD in un unico ambiente.


Quando lo scanner 3D è metrologico e deve essere utilizzato per il controllo dimensionale o il controllo qualità dei prodotti, è importante poter lavorare con un Software di Ispezione. In questo caso, il modello digitale derivante dalla scansione 3D deve essere sovrapposto e confrontato col modello CAD di progetto del componente. Il software di ispezione permetterà di controllare il pezzo in tutte le sue parti evidenziando le zone in tolleranza e quelle non conformi.

Con i software di ispezione più avanzati è possibile effettuare controlli dimensionali anche su specifiche sezioni 2D e possono essere eseguite analisi FAI (Ispezione Primo Articolo - First Article Inspection) o analisi GT&D per la verifica delle tolleranze di forma e posizione, di profilo e localizzazione, in ottemperanza a tutti gli standard internazionali di metrologia.

Per applicazioni in cui dalla scansione 3D si vuole riprodurre il modello bidimensionale di un tessuto per realizzare abiti o lavorazione di tappezzeria su misura, è necessario sviluppare in piano la mesh attraverso un software di flattening o spianatura. Questi software 3D permettono di progettare accuratamente i lembi di tessuto e esportare i dati nei formati leggibili dalle macchine per il taglio automatico, come ad esempio il formato DXF. Inoltre, i software di flattening permettono di definire i punti in cui applicare le cuciture e le dimensioni dei lembi da utilizzare per le rifiniture interne.

In definitiva, i software 3D uniti a sistemi di scansione 3D rendono veloce, facile e accurato il processo di digitalizzazione, modellazione 3D poligonale, reverse engineering e controllo dimensionale di oggetti fisici reali e permettono di utilizzare le scansioni 3D per qualsiasi applicazione.



Quale software 3D abbinare allo scanner 3D?

La scelta del software 3D da abbinare allo scanner 3D dipende dalle applicazioni che si vogliono realizzare con il modello 3D digitale derivante dalla scansione 3D.

Se lo scanner 3D deve essere utilizzato per la creazione di prototipi di oggetti a geometria libera, destinati alla stampa 3D oppure alla progettazione freeform, sarà utile abbinare allo scanner 3D un software di modellazione 3D poligonale o mesh editing. Questi software 3D rientrano tra quelli per Reverse Engineering e hanno una serie di funzionalità per la modellazione 3D a partire da mesh e nuvole di punti, senza l’utilizzo di funzioni per la progettazione CAD. I software di modellazione 3D dei dati di scansione 3D possono lavorare anche con modelli a colori e generano files in firmati nativi e anche nei più comuni formati di mesh o nuvole di punti: STL, OBJ, PLY, ecc.

Per applicazioni in cui dalla scansione 3D è necessario riprodurre un progetto CAD, sarà necessario abbinare allo scanner 3D un software di Reverse Engineering propriamente detto o software per disegno 3D e cioè uno strumento in grado di trasformare le mesh in superfici CAD o solidi.

In questo caso il software permetterà di ricostruire le matematiche CAD dell’oggetto acquisito con lo scanner 3D, in modo da poterlo importare e lavorare ulteriormente in qualsiasi ambiente CAD per la progettazione meccanica o industriale. I formati di esportazione possono essere di interscambio e cioè STEP, IGES, PARASOLID, ecc., oppure anche formati nativi dei più comuni software CAD 3D.

I software di Reverse Engineering più avanzati integrano sia funzioni di modellazione poligonale che di modellazione CAD in un unico ambiente.

Quando lo scanner 3D è metrologico e deve essere utilizzato per il controllo dimensionale o il controllo qualità dei prodotti, è importante poter lavorare con un Software di Ispezione. In questo caso, il modello digitale derivante dalla scansione 3D deve essere sovrapposto e confrontato col modello CAD di progetto del componente. Il software di ispezione permetterà di controllare il pezzo in tutte le sue parti evidenziando le zone in tolleranza e quelle non conformi.

Con i software di ispezione più avanzati è possibile effettuare controlli dimensionali anche su specifiche sezioni 2D e possono essere eseguite analisi FAI (Ispezione Primo Articolo - First Article Inspection) o analisi GT&D per la verifica delle tolleranze di forma e posizione, di profilo e localizzazione, in ottemperanza a tutti gli standard internazionali di metrologia.

Per applicazioni in cui dalla scansione 3D si vuole riprodurre il modello bidimensionale di un tessuto per realizzare abiti o lavorazione di tappezzeria su misura, è necessario sviluppare in piano la mesh attraverso un software di flattening o spianatura. Questi software 3D permettono di progettare accuratamente i lembi di tessuto e esportare i dati nei formati leggibili dalle macchine per il taglio automatico, come ad esempio il formato DXF. Inoltre, i software di flattening permettono di definire i punti in cui applicare le cuciture e le dimensioni dei lembi da utilizzare per le rifiniture interne.

In definitiva, i software 3D uniti a sistemi di scansione 3D rendono veloce, facile e accurato il processo di digitalizzazione, modellazione 3D poligonale, reverse engineering e controllo dimensionale di oggetti fisici reali e permettono di utilizzare le scansioni 3D per qualsiasi applicazione.

Cosa fa un software 3D e in quali settori si può utilizzare?

I software 3D racchiudono una vasta gamma di applicazioni in settori differenti.

Si possono elaborare dati in 3D progettati o acquisiti tramite una scansione 3D, fare simulazioni di prodotti o progetti CAD 3D virtuali prima di realizzarli, ma anche utilizzare i modelli digitali per il controllo dimensionale e l’inspection e ottimizzare così il lavoro con una maggiore qualità del risultato.

Ci sono diverse categorie di software 3D che abbiamo suddiviso in: Software di Reverse Engineering, includendo in questi software sia quelli per la modellazione CAD a partire da modelli di scansione 3D, ma anche quelli per la semplice modellazione di mesh e nuvole di punti; Software di Ispezione, per effettuare controlli dimensionali, analisi FAI e GD&T, controllo qualità e ispezione in generale; Software di Flattening per lo sviluppo in piano o la spianatura di un modello digitale 3D.

I settori di applicazione in cui queste lavorazioni sono più utilizzate sono:


Meccanica




MEDICALE




Automotive




Industria




ARTE




BENI CULTURALI




ARTIGIANATO




OREFICERIA



V-GER, tutta la competenza che cerchi per scegliere il tuo software 3D

La gamma di applicazioni possibili e funzionalità di un software 3D sono estremamente variegate, pertanto per orientarsi nella scelta del software più adatto da abbinare allo scanner 3D, è utile affidarsi a un consulente esperto.

V-GER distribuisce i migliori software 3D del mercato, in abbinamento agli scanner 3D, per i quali offre anche formazione e assistenza post-vendita.

Chiedi la nostra consulenza e tutte le informazioni che ti servono per la scelta del tuo software 3D!

Contattaci subito per una demo gratuita!


    cliccando sul pulsante acconsenti all'iscrizione alla Newsletter

    Facebook
    Twitter
    YouTube
    LinkedIn
    Sketchfab