Domande più Frequenti – FAQ

Come trasformare una scansione 3D in un progetto CAD?

I modelli 3D digitali prodotti da qualsiasi scanner 3D sono mesh triangolari o nuvole di punti, che quindi non rappresentano entità CAD. Per poter trasformare una scansione 3D in un progetto CAD è necessario effettuare una operazione che si chiama REVERSE ENGINEERING. Il Reverse Engineering viene realizzato con specifici software 3D, che integrano funzionalità di modellazione poligonale e CAD. Il Reverse Engineering produce modelli CAD sotto forma di superfici, oppure di solidi. Puoi scoprire tutte le tecniche di Reverse Engineering nel seguente articolo

Domande più frequenti – FAQ

Come trasformare una scansione 3D in un progetto CAD?

Domande più frequenti – FAQ
I modelli 3D digitali prodotti da qualsiasi scanner 3D sono mesh triangolari o nuvole di punti, che quindi non rappresentano entità CAD. Per poter trasformare una scansione 3D in un progetto CAD è necessario effettuare una operazione che si chiama REVERSE ENGINEERING. Il Reverse Engineering viene realizzato con specifici software 3D, che integrano funzionalità di modellazione poligonale e CAD. Il Reverse Engineering produce modelli CAD sotto forma di superfici, oppure di solidi. Puoi scoprire tutte le tecniche di Reverse Engineering nel seguente articolo

Scanner 3D economici o professionali, quali scegliere?

La scelta tra scanner 3D economici e professionali va fatta in base alle applicazioni che si vogliono realizzare. Se sei un hobbista o un maker o vuoi avere un primo approccio con il mondo della scansione 3D, puoi utilizzare scanner 3D economici. Ma se sei un professionista avrai sicuramente necessità di scanner 3D professionali, con prestazioni avanzate e garantite. Nel mercato attuale, in cui sono presenti tantissimi scanner 3D, è spesso difficile percepire le motivazioni delle differenze di prezzo. Bisogna però considerare che, nonostante gli scanner 3D possano sembrare simili, le loro prestazioni variano molto col prezzo. Perciò, prima di fare un investimento per uno scanner 3D, sarà utile definire bene le specifiche necessarie.

Quale è lo scanner 3D più adatto in base alle dimensioni dei miei progetti?

Esistono scanner 3D di molte tipologie, ognuna adatta a specifiche applicazioni. Per oggetti piccoli, come ad esempio gioielli, minuterie e piccoli accessori, è consigliato uno scanner 3D fisso, da tavolo, con elevata risoluzione. Se lo scanner 3D è anche automatico, il modello 3D potrà essere ricostruito senza interventi manuali. Per oggetti medio-grandi, la scelta migliore ricade sugli scanner 3D portatili, perché hanno una enorme versatilità e possono essere utilizzati in completa libertà, muovendoli attorno all’oggetto da scansionare. Se lo scanner 3D portatile ha una risoluzione variabile, si potrà impostare la risoluzione massima per gli oggetti più piccoli e medio-bassa per gli oggetti più grandi.

Quale è lo scanner 3D più adatto in base alle dimensioni dei miei progetti?

Esistono scanner 3D di molte tipologie, ognuna adatta a specifiche applicazioni. Per oggetti piccoli, come ad esempio gioielli, minuterie e piccoli accessori, è consigliato uno scanner 3D fisso, da tavolo, con elevata risoluzione. Se lo scanner 3D è anche automatico, il modello 3D potrà essere ricostruito senza interventi manuali. Per oggetti medio-grandi, la scelta migliore ricade sugli scanner 3D portatili, perché hanno una enorme versatilità e possono essere utilizzati in completa libertà, muovendoli attorno all’oggetto da scansionare. Se lo scanner 3D portatile ha una risoluzione variabile, si potrà impostare la risoluzione massima per gli oggetti più piccoli e medio-bassa per gli oggetti più grandi.

Quale software 3D abbinare allo scanner 3D?

La scelta del software 3D da abbinare allo scanner 3D dipende dalle applicazioni che si vogliono realizzare. Per la creazione di prototipi di oggetti a geometria libera, destinati alla stampa 3D oppure alla progettazione freeform, è necessario abbinare allo scanner 3D un software di modellazione 3D poligonale o mesh editing. Questi software restituiscono files in formati come STL, OBJ, PLY, ecc. Se dalla scansione 3D si vuole ricostruire un progetto CAD, sarà necessario un software di Reverse Engineering, per trasformare le mesh in superfici o solidi. Questi software restituiscono files in formati CAD come STEP, IGES, PARASOLID, ecc., oppure in formato nativo di alcuni software CAD.

Che differenza c’è tra uno scanner 3D e una stampante 3D?

Uno Scanner 3D è uno strumento per permette di ricostruire le geometrie 3D degli oggetti in un modello 3D digitale sotto forma di nuvola di punti o mesh triangolare. Questo modello 3D è visibile a computer e può essere utilizzato per moltissime applicazioni tra cui la stampa 3D. La stampante 3D invece è uno strumento che permette di riprodurre fisicamente un modello 3D, mediante manifattura additiva, cioè depositando strati di materiale fino a ricostruire la forma desiderata. Alla fine, si avrà un modello 3D stampato in materiale plastico, resina o polveri. Ultimamente si stanno utilizzando anche metalli.

Che differenza c’è tra uno scanner 3D e una stampante 3D?

Uno Scanner 3D è uno strumento per permette di ricostruire le geometrie 3D degli oggetti in un modello 3D digitale sotto forma di nuvola di punti o mesh triangolare. Questo modello 3D è visibile a computer e può essere utilizzato per moltissime applicazioni tra cui la stampa 3D. La stampante 3D invece è uno strumento che permette di riprodurre fisicamente un modello 3D, mediante manifattura additiva, cioè depositando strati di materiale fino a ricostruire la forma desiderata. Alla fine, si avrà un modello 3D stampato in materiale plastico, resina o polveri. Ultimamente si stanno utilizzando anche metalli.

Posso stampare in 3D il risultato di una scansione 3D?

Una scansione 3D è un file in formato mesh o nuvola di punti e perciò in formati come STL, OBJ, PLY, ecc. La stampante 3D può elaborare files mesh in formato STL, perciò se la scansione 3D è sotto forma di nuvola di punti, per stamparla in 3D bisognerà prima triangolarla e trasformarla in mesh, utilizzando un software di mesh editing. Se la scansione 3D è già una mesh, potrà essere ottimizzata, chiudendo tutti gli eventuali buchi e inviandola direttamente alla stampante 3D. Nel software della stampante 3D sarà poi possibile progettare eventuali sostegni o riempimenti per modelli cavi o ingombranti.


    cliccando sul pulsante acconsenti all'iscrizione alla Newsletter

    Facebook
    Twitter
    YouTube
    LinkedIn
    Sketchfab