Parti di ricambio introvabili: stampali in 3D con le nuove tecnologie!

Stampa di pezzi di ricambio in 3D con V-GER

Ti è mai capitato di avere un oggetto a cui tieni molto che si è danneggiato o ha perso qualche componente? In questo caso la cosa migliore è sempre rivolgersi ai rivenditori per ordinare e sostituire le parti danneggiate, ma può accadere che l’oggetto sia ormai troppo vecchio per trovare parti di ricambio oppure che queste non siano facilmente reperibili sul mercato.

Cosa fare in questo caso?

La prima soluzione è sicuramente decidersi a mettere l’oggetto danneggiato in cantina o buttarlo e comprarne uno nuovo. Ma allo stato attuale dello sviluppo tecnologico questa non è l’unica opzione possibile ci si può affidare anche alla stampa di pezzi di ricambio in 3D!

In una società sempre più dominata dal consumismo, la tecnologia, a volte incolpata di alimentare questa tendenza, questa volta può invece venirci in aiuto per riparare oggetti ancora utilizzabili ma con qualche parte danneggiata o usurata.

In questo articolo mostreremo come la stampa di pezzi 3D e strumenti tecnologici come scanner 3D, con l’ausilio di software specifici, possono far invertire la rotta e consentire alle aziende e anche ai privati di riprodurre parti di ricambio anche quando queste non sono più reperibili.

Scopriamo come funziona!

L’utilizzo di Scanner 3D e Stampanti 3D per la riproduzione di parti di ricambio

Sicuramente, navigando su internet o guardando qualche programma televisivo dedicato alla scienza e alla tecnologia, ti sarà capitato di sentire parlare di scanner 3D e stampanti 3D.

Gli scanner 3D sono dispositivi ottici innovativi e in continuo e rapido sviluppo che permettono di digitalizzare gli oggetti reali, ricostruendone un modello 3D completo, da utilizzare per le più svariate applicazioni. Cioè a partire da un oggetto fisico, lo scanner 3D riproduce ogni dettaglio della sua forma e permette l’archiviazione del modello digitale 3D sotto forma di mesh triangolare o di nuvola di punti, nei più comuni formati di interscambio e cioè STL, OBJ, PLY, ecc.

Stampa in 3D di pezzi di ricambio con V-GER

E’ chiaro che la possibilità di avere a disposizione un modello 3D virtuale di qualsiasi oggetto, anche il più complesso, a breve rivoluzionerà la stragrande maggioranza delle attività produttive e manifatturiere, grazie anche al fatto che abbinando uno scanner 3D a una stampante 3D, tutti i processi di prototipazione di componenti possono essere incredibilmente velocizzati e ottimizzati.

Il file risultante da una scansione 3D infatti può essere immediatamente inviato a una stampante 3D per consentirne la riproduzione, utilizzando vari materiali, a seconda dell’applicazione.

Ovviamente esistono molti tipi di scanner 3D e moltissimi tipi di stampanti 3D, per cui è sempre bene farsi consigliare da esperti del settore prima di effettuare un eventuale acquisto, in modo da scegliere la soluzione più adatta alla propria applicazione e spendere solo per ciò che effettivamente ci serve.

Nel caso della stampa di pezzi ricambio 3D è sempre bene fare una valutazione della resistenza che deve avere la parte da sostituire per poi scegliere il materiale e la tecnologia di stampa più efficace.

 

Stampa di pezzi di ricambio 3D: esempi che potresti realizzare con le nuove tecnologie

Le stampanti 3D più diffuse attualmente sono quelle che stampano in materiali plastici e resine con tecnologia a fusione di filamento (FDM) o a stereolitografia.

Per questo motivo la stampa di pezzi di ricambio è sicuramente una tecnica da utilizzare quando i componenti da sostituire erano originariamente in plastica.

La stampa di pezzi 3D è, ad esempio, molto utile per particolari plastici di automobili, come ad esempio sportellini, coperchietti, manopole, maniglie di apertura, fermi, ganci e qualsiasi altro componente plastico non strutturale.

Immagina che la maniglia dello sportello del guidatore della tua auto si sia rotta e che non sia più reperibile sul mercato: potresti allora chiederti come sia possibile riprodurre quella maniglia sinistra se tu possiedi solo la destra.

La scansione 3D e la modellazione 3D in questo caso sono ciò che può permetterti di risolvere questo problema. Infatti, una volta acquisita la maniglia destra con uno scanner 3D, il modello 3D può essere facilmente lavorato con un software 3D di modellazione, per riprodurre il componente speculare e cioè la maniglia sinistra, con poche e semplicissime operazioni. Il modello ricostruito della maniglia può a questo punto essere mandato direttamente in stampa e tu potrai riaprire agevolmente il tuo sportello.

Un altro esempio applicativo di stampa pezzi ricambio 3D è la riproduzione di pezzi plastici per elettrodomestici da riparare, come coperchietti, guarnizioni, perni, elementi di fissaggio, ecc.

Pezzi di ricambio per frullatore e stampa 3D con V-GER

Con la scansione 3D, la modellazione 3D e la stampa 3D è anche possibile riprodurre particolari decorativi di mobili danneggiati, semplicemente scansionando in 3D un altro particolare decorativo del mobile e rimodellandolo per l’inserimento in un’altra posizione su medesimo mobile, in sostituzione di modanature rovinate o particolari scheggiati. Anche gli elementi di fissaggio possono essere riprodotti.

Un altro caso applicativo potrebbe essere la riproduzione di parti di occhiali, come astine spezzate, nasetti, ecc. In tutti i casi applicativi, i particolari plastici più adatti alla riproduzione in stampa 3D sono supporti, coperchi, particolari di fissaggio come perni e staffe, maniglie, manici, ruote, ganci, fermi, organi di apertura.

Con la stampa 3D di pezzi di ricambio è anche possibile riprodurre materiali diversi dalla plastica (anche a colori) come ad esempio metallo, gesso, cartone, legno, anche se le stampanti che possono stampare questi tipi di materiale sono meno diffuse e a volte più costose.

In linea generale comunque non esistono limitazioni alla realizzazione di parti di ricambio con stampa di pezzi di ricambio, se non la valutazione iniziale della resistenza e anche dell’aspetto estetico che il componente deve avere!

Se questo articolo ti è piaciuto, continua a seguirci su questo 3D magazine e su facebook!