Tutela e innovazione al Parco della Valle dei Templi

Innovazione al Parco della Valle dei Templi con uno scanner 3D | V-GER

Uno scanner 3D di ultima generazione per il rilievo dei reperti archeologici.

 

Un nuovo progetto del Parco Archeologico e Paesaggistico della Valle dei Templi apre nuovi orizzonti alla valorizzazione dei beni archeologici della Valle, patrimonio UNESCO dal 1997.

Tecnologie altamente innovative, attraverso uno scanner 3D e un software di scansione e reverse engineering, consentiranno il rilievo in 3D dei reperti, che rappresenta l’ultimo ritrovato in fatto di documentazione scientifica.

Il rilievo tridimensionale consente di ricreare un modello virtuale identico all’originale, metricamente corretto e fotorealistico, che diviene dato d’archivio nella catalogazione, e che consente di istituire confronti anche tra reperti a cui non è possibile accedere fisicamente.

Inoltre il modello 3D rappresenta una soluzione valida per analizzare lo stato di conservazione del reperto e per valutare a livello virtuale eventuali interventi di restauro o di integrazione.

Il modello 3D si presta poi ad essere inserito come efficace contenuto multimediale per siti web, musei virtuali o applicazioni per PC e smartphone e per essere replicato con la stampa 3D, utile ad esempio nel caso dei modellini tattili per non vedenti o anche per la produzione di oggetti in scala a scopo didattico e infine per il merchandising di gadget a tema archeologico.

 

Lo scanner 3D portatile multifunzionale Einscan Pro Plus: una grande opportunità per l’Archeologia della Valle dei Templi.

Il nostro incontro con la Valle dei Templi  è stato emozionante, un paesaggio che lascia senza fiato per la sua bellezza e unicità.

Siamo arrivati al Parco per tenere un corso di formazione al personale, che dovrà sfruttare al massimo tutte le potenzialità dello scanner Shining 3D Einscan Pro Plus e del software Creaform VXmodel.

Siamo stati accolti dal Direttore del Parco il dott. Giuseppe Parello, dall’Architetto Carmelo Bennardo – dirigente e responsabile dell’Unità Operativa Beni Archeologici e da tutto il suo team. Un’esperienza formativa vissuta con grande interesse ed entusiasmo!

Il primo giorno ci siamo occupati delle modalità di utilizzo dello scanner 3D Einscan Pro Plus e  delle tecniche migliori di scansione  in ambito archeologico.

Abbiamo condotto alcuni esperimenti, scansionando opere di grandi dimensioni, con lo scanner 3D in modalità portatile Rapid Scan, ma anche in modalità in alta definizione HD Scan.

 

Staff laboratorio parco valle dei templi scanner 3d | V-GER

 

In seguito siamo stati in laboratorio, dove il team ha imparato ad utilizzare lo scanner 3D in modalità fissa su treppiede, con abbinata anche la tavola girevole sincronizzata, accessori ideali per i reperti più piccoli, dove è necessaria maggiore precisione di dettaglio.

Fare scansioni 3D di oggetti così preziosi e unici è stato veramente emozionante!

Persino nelle pause i corsisti hanno continuato a scansionare tutto quello che capitava a portata di mano, persino il rilievo 3D dei presenti con lo scanner 3D per il body scanning.

Il secondo giorno, invece, sulla base dei files acquisiti, abbiamo illustrato le migliori tecniche digitali di ricostruzione dei reperti frammentari.

Per farlo ci siamo avvalsi  delle innumerevoli funzioni del software VXmodel di scansione 3D e reverse engineering.

Con questo software abbiamo fatto modellazione e ottimizzazione mesh, presentando anche le principali funzioni di reverse engineering.

 

parco valle dei templi | V-GER

 

 

Perché scegliere uno scanner 3D professionale multifunzione

Il Parco della Valle dei Templi  impiega notevoli risorse umane ed economiche nella valorizzazione del proprio straordinario patrimonio archeologico.

L’acquisto dell’innovativo scanner 3D multifunzione EinScan Pro Plus, con tutte le più aggiornate e funzionali modalità di scansione 3D, unitamente al software Creaform VXmodel di scansione 3D e reverse engineering  nasce dalla scelta di dotarsi di una strumentazione sofisticata e all’avanguardia da utilizzare negli ambiti che seguono:

  1. Restauro e ricostruzione architettonica dei templi;
  2. Ricostruzione dei reperti;
  3. Catalogazione e realizzazione modelli 3D per archivi digitali
  4. Studi di analisi e conservazione.

Vediamo come nella pratica il team del parco utilizzerà al meglio tutte le funzioni di questo scanner 3D.

 

  1. Restauro e ricostruzione architettonica dei templi

Nei delicati interventi di restauro degli edifici templari le nuove tecnologie di scansione 3D possono ottimizzare i tempi, ottenendo dati assai fedeli agli originali.

Particolarmente utili nel caso dello smontaggio delle strutture, che verranno preventivamente scansionate per agevolare la ricostruzione una volta eseguito il restauro.

Inoltre si potranno realizzare le integrazioni dei pezzi mancanti in materiale compatibile.

Con lo scanner 3D Einscan Pro Plus si potranno acquisire le parti più piccole e i dettagli dei decori.

 

  1. Ricostruzione dei reperti

Si potranno fare scansioni 3D di statue, busti, reperti ceramici per integrare lacune e parti frammentarie.

Ottenuto il file, sarà più semplice eseguire studi e analisi sull’oggetto.

 

  1. Catalogazione e realizzazione modelli 3D per archivi digitali

Il catalogo 3D dei beni archeologici del Parco, acquisito in un archivio digitale open access grazie al WEB GIS assicurerà la conservazione per sempre del patrimonio.

 

  1. Studi di analisi e conservazione

Lo scanner 3D sarà infine utilizzato per lo studio di eventuali interventi di restauro e di conservazione nel lungo periodo.

 

 

Per informazioni e maggiori dettagli V-GER è a tua disposizione, contattaci!